[Comune di Mara logo]

  • Via A. Mariani, n. 1, 07010 Mara (SS)

  • protocollo@pec.comune.mara.ss.it

  • Tel.: 079 80 53 01


  • Paese
  • paese
  • archeologia
  • costume sardo mara

Memorie di Mara

A cura della Se. A. Coop, la Cooperativa Sociale di Solidarietà  di Thiesi, alcuni racconti orali degli anziani di Mara, un testo grazie al quale si intuisce il senso del "dove si viene" e del "dove si va", poichè la memoria di sè non ha mai un patrimonio esclusivo del soggetto ma è sempre in relazione alla vita di un'intera comunità .

E' possibile trarre dalle storia di vita un sapere che tocca i confini dell'antropologia vissuta, dell tradizioni antiche, dei giochi dimenticati, dei riti che scandivano stagioni e tempi della vita quotidiana dando voce a una cultura che va scomparendo e proprio per questo preziosa.

PREGHIERE

Signore meu Gesù Cristu
Signore meu Gesù Cristu Deus ti domine verdaderu creadore e redentore meu po esse bois chie sezis inifinitamente bonu sezis dignu de esser amadu subra tottu sas cosas su chi azis bos amus mi pesat Segnore de tottu su coro su bos aere offesu preponzo assistere e m'aggiuare in sa divina grascia ostra de mai mi appalto de tottu sas occasiones de non bos offender mai piusu e gai si siada. (riportata da Maria Antonia Liggios)

Per trovare le cose perdute
Santa Trinità , Santa Trinità  cando peldeidi sas giaes in missa las acciapeidi Santa usanna Santa Usanna es mama 'e Sant'Anna San'Anna es mama 'e Nostra Segnora Nostra Segnora es mama 'e deus dademi a bidere su mancamentu meu. (riportata da Cristina Mariani)

MUTTOS

Muttu per una donna che ha compiuto 100 anni, dedicatole dal marito
Chentu e deghe muttos inoghe c'ada iscrittu s'amante a s'ammorada de benne sos minutos in custu circuitu as'a essere esaltada (riportata da Cristina Mariani)

Caladiche sole cala
Caladiche sole cala Caladiche sole cala caladiche imminente inoghe c'hat meda zente chi li dolet coddu e pala caladiche sole cala (riportata da Maria Antonia Liggios)

NINNE NANNE E DURU DURU

Drommi e reposa mama no t'iada e ca tue ses piccoca no t'iat mama molta nan molta nan orfana fizza mia istimada fizza 'e su coro sese bebe a paschida 'e mese bene happas fittianu a sero e a manzanu bene happas fizza mia chi goses allegria chi tenzas paghe e gosu mare bundanziosu (riportata da Cristina Mariani)

Duru duru durundana sas pischeddas de Ottana sas de Desulo e de solarussa abiada a chie at buscia buscia piena de inari a Calaris, a Calaris a inue andana sas accusas in beranu sas pubusas cantan cun sas pubuseddas sa idda de sa padeddas naran chi est Neoneli su mastru piccapedreri piccat in sa contonera inue iscazzan sa chera in labiolu e ramine su mazzone cando at famene bessit a si mde chiscare su massagiu andat' a arare in tempus de ettare trigu duru duru fioridu (riportata da Giuseppina Masia)



Esporta: Icona file di testo Icona PDF Icona JSON

Condividi: